MENU

z in evidenza
Category Archive

Erdogan, come si controlla la scuola e l’informazione

ottobre 28, 2018 • Cultura e Società, z in evidenzaCommenti disabilitati su Erdogan, come si controlla la scuola e l’informazione

Redazione – Dopo aver vinto il secondo mandato di Presidente lo scorso giugno, dotato dei poteri esecutivi rafforzati dal referendum del 2017, Erdogan sta procedendo a consolidare la realizzazione della sua “nuova Turchia”, molto più chiusa in se stessa, che fin dalla sua prima elezione è il suo obiettivo dichiarato. Le purghe

Read More

e Pollock, i geni del futuro remoto in mostra a Roma

ottobre 22, 2018 • Paralleli, z in evidenzaCommenti disabilitati su e Pollock, i geni del futuro remoto in mostra a Roma

  di Luigi Coppola – Si rivela una scelta opportuna, curata con efficacia sintesi rispetto alla varietà dei contenuti, l’allestimento delle due mostre organizzate dal Gruppo Arthemisia presso il complesso del Vittoriano (Ala Brasini) a Roma. In

Palindromo filantropico

ottobre 21, 2018 • Cultura e Società, z in evidenzaCommenti disabilitati su Palindromo filantropico

di Niram Ferretti –  Nei suoi Tre dialoghi e il racconto dell’Anticristo, Vladimir Sergeevič Solov’ëv presenta il filius perditionis come un grande filantropo venuto per unificare i popoli e instaurare una Chiesa universale, abbattendo

Cosa rischierebbe la Germania se si frammentasse l’eurozona

ottobre 19, 2018 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su Cosa rischierebbe la Germania se si frammentasse l’eurozona

Redazione – La cancelliera Angela Merkel ha dichiarato di non essere pienamente d’accordo con l’atteggiamento dell’Unione Europea verso le grandi multinazionali né con la sua regolamentazione antitrust. Sull’esempio degli Stati Uniti,

Preparativi di guerra marittima per l’Egitto

ottobre 16, 2018 • Medio Oriente, z in evidenzaCommenti disabilitati su Preparativi di guerra marittima per l’Egitto

Redazione – Secondo l’International Peace Research Institute di Stoccolma (report di marzo 2018) l’Egitto è il terzo maggior acquirente di armamenti al mondo, dopo l’India e l’Arabia Saudita. Negli ultimi cinque anni il governo ha firmato

Le nuove ridefinizioni mondiali

ottobre 10, 2018 • Mondo, z in evidenzaCommenti disabilitati su Le nuove ridefinizioni mondiali

Redazione – Il disegno dell’amministrazione Trump è ormai chiarissimo. Dato che l’Occidente, America inclusa, sta perdendo il primato economico e tecnologico, dunque anche l’egemonia politica e culturale che gli ha permesso di dar forma alle

Dove spira il vento

ottobre 5, 2018 • Politica, z in evidenzaCommenti disabilitati su Dove spira il vento

  di Niram Ferretti – Aria pestilenziale di questi tempi in cui impera la Virtù e le tenebre si infittiscono, sempre a destra con i vari babau, i cattivi con la parte fissa nel copione. E’ successo anche a Daniel Pipes, tra i più preparati

Charles Aznavour che lasciò la Francia per la Svizzera

ottobre 3, 2018 • Cultura e Società, z in evidenzaCommenti disabilitati su Charles Aznavour che lasciò la Francia per la Svizzera

di Frédéric Burnand – “La Svizzera è un’oasi di pace. Tutto è più calmo, più pudico, anche i semafori rossi diventano più lentamente verdi e viceversa. È un paese che rispetto e amo molto. Ho fatto naturalizzare i miei figli”,

Rouhani, Khamenei e Zarif sono i mandatari del fallito attentato a Parigi

ottobre 3, 2018 • Mondo, z in evidenzaCommenti disabilitati su Rouhani, Khamenei e Zarif sono i mandatari del fallito attentato a Parigi

Redazione – L’attacco al meeting degli iraniani a Parigi era comandato da Khamenei, Rouhani e Zarif. La Corte Suprema dello Stato di Bamberg, in Germania, ha espresso il parere favorevole all’estradizione al Belgio di Assadollah Assadi, diplomatico

Deficit e mercati globali, che c’entra la Commissione Europea?

ottobre 2, 2018 • Paralleli, z in evidenzaCommenti disabilitati su Deficit e mercati globali, che c’entra la Commissione Europea?

Redazione – Le grandi agenzie di rating a settembre rivedono la valutazione del debito pubblico degli stati, ma quest’anno hanno posticipato la valutazione dei titoli di stato italiani a fine ottobre, per attendere il primo DEF del nuovo governo