MENU

Dall’Iran arrivato a Genova un carico di 270 kg di eroina

novembre 9, 2018 • Cultura e Società, z in evidenza

di Loredana Biffo –

La polizia  Giovedi ha al porto di Genova scoperto 270 kg di eroina nascosti in un contenitore che è arrivato su una nave da parte dell’Iran, il più grande trasporto di questo tipo mai  rilevato da almeno 20 anni in Italia.

Il cargo ha lasciato il porto iraniano di Bandar Abbas, nel Golfo Persico, per le fermate ad Amburgo (Germania) e Valencia (Spagna) prima di raggiungere il porto italiano di Genova il 17 ottobre, dove la polizia ha scoperto l’ eroina conservata in un carico di argilla bentonitica.

Un portavoce della polizia ha detto che gli investigatori non sapevano esattamente dove e quando il farmaco è stato portato a bordo della nave.

La polizia ha permesso a una piccola parte del carico illecito di continuare il viaggio programmato in camion verso i Paesi Bassi. Seguendo il veicolo mentre attraversava la Svizzera, la Francia e il Belgio prima di raggiungere la città olandese di Roosendal.

Quando il veicolo è entrato in un deposito il 2 novembre, la polizia italiana e olandese ha fatto irruzione nei locali e arrestato due uomini di origine turca. A quanto pare il conducente del camion non sapeva che c’era eroina nel suo camion, ha detto la polizia.

“L’indagine è in corso di tracciare l’intera rete che gestisce il traffico di droga, che dimostra ancora una volta che il porto di Genova è un importante crocevia per le spedizioni di droga per il resto del Europa “, ha detto una dichiarazione della polizia italiana.

Ricordiamo che l’Iran è un paese che oltre ad esportare droga, ha un elevato tasso di consumo interno a causa delle condizioni sociali.

Il totale delle persone dipendenti dalle droghe in Iran, viene stimato intorno ai 3-4 milioni. Non esistono statistiche accurate su questo fenomeno e i dati annunciati ufficialmente si sospetta siano fortemente sotto stimati (sito web ufficiale slamatnews.com – 13 febbraio 2018).

Anoushirvan Mohseini Bandpay, capo dell’Organizzazione Nazionale per la Previdenza Sociale ha detto: “la dipendenza sta diventando sempre più femminile. Questa si aggiunge ad altri malesseri sociali, aumentando il tasso di divorzi, crimini e altri problemi (agenzia di stampa ufficiale Mehr – 13 febbraio 2018).

Il numero delle donne che sono entrate nella dipendenza è raddoppiato rispetto a dieci anni fa e vi è stata una sensibile diminuzione dell’età.  Su dieci tossicodipendenti uno è donna.

Solo ultimamente la società iraniana sta prendendo atto e coscienza di questo fenomeno, ma molti pensano ancora che le donne che si drogano, in quanto vergogna per il paese, meritino la pena di morte. Si consideri che la pena di morte in Iran è prevista per omicidio, rapina a mano armata, blasfemia, apostasia, adulterio cospirazione, omosessualità e reati legati alla droga.

 

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.

« »