MENU

Iran: un membro della “Commissione della morte” eletto vicepresidente del parlamento

maggio 29, 2019 • Mondo, z in evidenza

di Loredana Biffo –

Abdolreza Masri è stato nominato vicepresidente del fascismo religioso che detiene il potere in Iran. Masri ha avuto una brillante carriera nel regime degli ayatollah come esponente di punta nella “Commissione della morte”, è responsabile del massacro famoso massacro del 1988 di diverse migliaia di prigionieri politici. Dopo il rovesciamento del regime Pahlavi c’è stato un processo  di “arabizzazione forzata”, un tentativo di spazzare via la cultura millenaria dell’Iran attraverso l’imposizione della sharia.

Tra il 1981 e il 1986, quando il mullah criminale Ali Fallahian era il giudice religioso di Kermanshah, Mesri era il capo interrogatore e torturatore di quella provincia. Fu per qualche tempo il sostituto dell’ufficio del Procuratore della provincia del Kurdistan, lavorò come procuratore nell’ufficio del Procuratore di Kermanshah e fu attivo nella tortura e nell’esecuzione di molti prigionieri politici. Oltre a far parte  parte della ‘Commissione della morte’ nella provincia di Kermanshah durante il massacro di prigionieri politici nel 1988 come rappresentante del Procuratore Rivoluzionario, mandò numerosi prigionieri politici al patibolo dopo efferate torture; fu inoltre ministro dell’Assistenza e della Previdenza Sociale nel 2006 e ambasciatore dei mullah in Venezuela nel 2009.

Durante le lotte intestine all’interno del regime negli ultimi anni, è stato rivelato che Mesri aveva diffuso un curriculum di studi falso e che è stato coinvolto in molti casi di appropriazione indebita e corruzione al Ministero dell’Assistenza e della Previdenza Sociale.
Nel regime del Velayat-e Faqih (Guida Suprema), ministri, ambasciatori, membri del ‘parlamento’, governatori e altri funzionari sono o guardie rivoluzionarie o torturatori. I membri del parlamento clericale, il cui presidente è una guardia rivoluzionaria e il cui vice è stato coinvolto nel massacro del 1988, hanno una storia documentata di repressione, tortura, esecuzioni, esportazione di terrorismo e fondamentalismo e saccheggio delle proprietà del popolo iraniano.

Nel frattempo, il regime inasprisce sempre di più la morsa repressiva nel tentativo di sedare le rivolte e le proteste; il 19 maggio 2019 il tribunale di Teheran capeggiato dal boia Mohammad Mogheissei ha condannato alla pena di morte un prigioniero politico, Abdollah Ghassempuor con l’accusa di ribelleione contro il governo islamico”, “riunione e complotto contro il sistema” e “appartenenza e propaganda e collaborazione con i membri della Resistenza.

Il tribunale ha condannato a morte con le stesse accuse altri tre prigionieri, Mohammad Hossein Ghassempuor, fratello di Abdollah, Alireza Habibian e un parente di Abdollah e Akbar Dalir, a cinque anni e mezzi di carcere. Questi quattro dal maggio dell’anno scorso erano arrestati dalle forze di oppressione del regime e si trovavano nel carcere di Evin.

Il criminale mullà Mohammad Mogheissei (alias Nasserian) è un capo aguzzino che già degli inizi degli anni ’80 interrogava e torturava i prigionieri politici e nell’eccidio dei prigionieri politici dell’estate dell’88 ha inviato a patibolo, nel carcere di Gohardasht, moltissimi prigionieri. La Resistenza Iraniana l’ha menzionato, elencando alcuni suoi atti criminali chiedeva di processarlo nei libri “Il crimine contro l’umanità”, del 2001 e nel “I caduti per la libertà” e la lista dei 20.000 martiri appartenenti alla Resistenza (detti anche Mojahedin del popolo) del 2006.

Il mullà Alawi, ministro delle Informazioni del regime aveva dato, il 19 aprile, la notizia dell’arresto dei 119 cellule in relazione con i Mojahedin del popolo l il direttore generale dell’intelligence nella regione di Azerbaijan dell’est confermato, 24 aprile, l’arresto e scontri con 110 Mojahedin in questa regione. I Mojahedin del popolo in data di 23 aprile e 17 maggio hanno pubblicato i nominativi di 39 arrestati.

La Resistenza Iraniana ha ripetutamente chiesto  al Segretario generale del Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU e le organizzazioni internazionali della difesa dei Diritti Umani a intraprendere urgentemente le azioni per salvare la vita di Abdollah Gassempuo ed altri prigionieri politici sottoposti a  tortura e lunghe incarcerazioni  che finiscono sempre con l’ impiccagione e chiede la formazione di delegazioni per visitare i prigioni iraniani e incontrare i prigionieri politici.

 

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.

« »