MENU

Raduno Iran Free a Parigi, versione integrale degli interventi

luglio 8, 2018 • Agorà, z in evidenza

di Loredana Biffo –

Pubblichiamo la versione integrale degli interventi al raduno “Iran Libero” si è svolto a Parigi il 30 giugno 2018. Numerosi rappresentanti eletti, autorità governative, politici, attivisti per i diritti umani, dignitari, legislatori e personalità politiche di tutto il mondo hanno parlato a decine di migliaia di iraniani che si sono uniti a loro.

Jean-Francois Legaret, sindaco del 1° Municipio di Parigi, ha rappresentato la delegazione francese. Ha dato il benvenuto a tutti nella terra dei diritti umani e della libertà, dell’uguaglianza e della fraternità. Legaret ha evidenziato che la Francia ha scelto di sostenere la Resistenza iraniana e i suoi sforzi incessanti e che la Resistenza sta lavorando per valori che sono molto importanti per la Francia. Ha detto che la Francia combatterà a fianco del CNRI fino a quando non sarà raggiunta la democrazia.

Philippe Gosselin, membro dell’Assemblea Nazionale francese, ha reso omaggio ai sacrifici fatti dal popolo dell’Iran che ha sofferto per così tanto tempo. “Presto sarete liberi dalla dittatura religiosa”, ha detto.

Al pubblico è stato quindi mostrato un video sulla storia del leader della Resistenza iraniana, Massoud Rajavi.

Rappresentanti del Parlamento europeo sono saliti sul palco e hanno confermato che la Resistenza è molto rispettata. Hanno menzionato il gruppo di sostegno di lunga data “Friends of a Free Iran” e hanno affermato che oltre 200 membri del Parlamento europeo sono impegnati a sostegno del cambiamento in Iran e in solidarietà con coloro che manifestano nelle strade dell’Iran.

Anna Elzbieta Fotyga, deputata, in rappresentanza della delegazione del Parlamento belga, ha reso un sentito omaggio al popolo dell’Iran e alla sua coraggiosa leader, la signora Maryam Rajavi. Ha detto che nel Parlamento europeo l’opera della signora Rajavi per portare giustizia, prosperità e soprattutto libertà al suo stesso popolo è molto ammirata. Ha anche detto che gli eroi della Resistenza sono ricordati e che il CNRI è sostenuto dal Parlamento europeo nel suo tentativo di promuovere la verità e di assicurare alla giustizia coloro che sono responsabili dei massacri in Iran. Ha detto: “Sosteniamo la gente comune dell’Iran nel vostro bellissimo Paese nelle circostanze più difficili”.

Nejat al-Astal, membro del Parlamento palestinese, ha affermato di ammirare il rispetto delle donne e dei diritti delle donne da parte della Resistenza iraniana e ha detto che la dignità umana è alla base della lotta comune tra il popolo della Palestina e il popolo iraniano.

Saleh al-Qalab dalla Giordania è stato un altro membro della delegazione araba che ha elogiato la Resistenza iraniana e ha affermato che il trionfo è molto vicino. La vittoria e la caduta del regime stanno iniziando e il regime affonda adesso, dopo quasi 40 anni di dittatura, massacrando la gente e ingerendosi nei Paesi vicini.

Un video inviato dall’Iran mostra il sostegno al CNRI nel Paese. Molti nel video hanno parlato della signora Rajavi e hanno promesso che lei e Massoud Rajavi un giorno saranno presto riportati in Iran. Hanno detto che la libertà in Iran arriverà grazie alla “nostra cara Maryam, il nostro sole”. Gli iraniani nel video hanno reso omaggio a tutti i leader della Resistenza e a tutta la popolazione del Paese che partecipa alla lotta per la libertà. Hanno affermato di sostenere pienamente la Resistenza e di rappresentare i cittadini iraniani all’interno dell’Iran.

L’oratrice principale, la signora Rajavi, presidente eletto del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (CNRI) e leader del movimento della Resistenza, è salita sul palco ed è stata accolta da un fragoroso applauso e acclamazioni assordanti da parte delle decine di migliaia di persone presenti. Ha spiegato che il motto “1.000 Ashraf” è rappresentativo della Resistenza e ha affermato: “Costruiremo 1.000 cellule di resistenza in Iran”. La leader della Resistenza ha detto: “Avanti verso 1.000 Ashraf nella nostra patria occupata”.

Parlando delle diffuse proteste in Iran, la signora Rajavi ha affermato che la popolazione e i giovani ribelli hanno “deciso di andare sull’offensiva al massimo”. Negli ultimi sei mesi, la popolazione ha intrapreso una rivolta, nonostante la pesante repressione, gli arresti quotidiani e le intimidazioni nei confronti del pubblico. La tensione sociale, la tensione economica e la disuguaglianza sociale hanno raggiunto un punto esplosivo. I mullah non possono risolvere questi problemi e non offriranno una soluzione. Il regime ha finito i soldi e sta affogando nelle lotte intestine interne. Tutto ciò – ha detto la signora Rajavi – dimostra che il regno dei mullah si sta avvicinando alla fine.

Inoltre, la signora Rajavi ha evidenziato che i mullah hanno perso la politica di accondiscendenza che li proteggeva, vale a dire la politica americana della precedente amministrazione. Ha detto che lo scudo che stava proteggendo il regime è caduto.

Parlando della risolutezza della Resistenza, ha detto: “Nessuno può competere con il MEK quando si tratta di sacrificarsi e pagare il prezzo”. La signora Rajavi ha salutato il popolo iraniano che sta terrorizzando il regime. Ha salutato tutti i martiri e prigionieri del regime e ha invitato tutti gli iraniani, indipendentemente da dove si trovino, ad aiutarli e a dare il massimo affinché la rivolta possa continuare.

Dopo il suo discorso, la signora Rajavi ha reso omaggio a tutti i martiri iraniani e ha offerto delle rose, simbolo dell’Iran, per i “caduti per la libertà”.

Il sindaco Rudy Giuliani, ex sindaco di New York City, è stato accolto come un grande amico del popolo iraniano e della Resistenza. Ha detto che è un grande momento di speranza, più che negli anni precedenti, poiché ora è possibile vedere la fine del regime. Giuliani ha evidenziato che altri Paesi oppressi si sono trovati in questa situazione prima e una volta che la gente è scesa in piazza, come stanno facendo in Iran, la libertà arriverà. “La libertà è dietro l’angolo”.

L’ex sindaco ha anche affermato che il rovesciamento sarebbe potuto avvenire nel 2009, ma il suo governo aveva voltato le spalle alla rivolta. “Vergogna su quella amministrazione!” – ha detto. Giuliani ha ricordato che l’attuale presidente degli Stati Uniti ha già espresso il suo sostegno ai manifestanti in Iran e ha fatto riferimento a quando Reagan sostenne i manifestanti in Polonia, favorendo la caduta del comunismo.

In un messaggio ai Paesi che fanno ancora affari con l’Iran, ha detto: “State pagando un regime che priva donne e bambini dei loro diritti”.

Giuliani ha anche parlato dell’alternativa della Resistenza basata su 12 solidi principi. “È una democrazia a pieno titolo che il CNRI sta offrendo. Questo è ciò per cui sono morti i martiri.” Ha detto che l’era della condiscendenza è finita e quelli che la praticano saranno svergognati nella storia.

La delegazione americana bipartisan è stata ringraziata per il duro lavoro svolto dalla signora Rajavi, che si è unita a loro sul palco. Alla signora Rajavi è stata presentata una dichiarazione della delegazione che evidenzia l’unità di repubblicani e democratici nel loro appello affinché i mullah e gli ayatollah siano rovesciati e il loro desiderio che il regime sia sostituito da un governo democratico.

L’ex speaker della Camera dei rappresentanti Newt Gingrich ha ringraziato coloro che sono venuti al raduno e ha evidenziato il loro ruolo significativo nello sviluppo e nel progresso della Resistenza. Crede che questo incontro, ciò che sta accadendo attualmente in Iran e la dura amministrazione statunitense insieme diano alla Resistenza l’opportunità di muoversi più drasticamente nella giusta direzione e non vede l’ora che un tale raduno possa svolgersi a Teheran.

Sono stati poi mostrati al pubblico molti dei messaggi di sostegno pubblicati sui social media.

La delegazione canadese, guidata da John Baird, ex ministro degli Esteri, ha evidenziato che molti governi occidentali hanno optato per un approccio conciliante che è fallito. Ha detto che tale approccio non è stato che accondiscendenza e che “per i mullah è ora di andarsene”. Baird ha poi presentato il 22° Primo Ministro del Canada, Stephen Harper, che ha dichiarato: “Il governo dell’Iran deve essere la scelta di un popolo iraniano libero”. Harper ha anche parlato dei passi che il Canada ha intrapreso contro il regime iraniano, ovvero chiudere l’ambasciata iraniana e designare il regime come uno sponsor del terrorismo. Ha detto che è un crimine che le prigioni in Iran trabocchino di persone, non per crimini commessi, ma a causa delle loro opinioni politiche. “Abbiamo scelto la strada giusta in Canada, non la più semplice.”

L’ex ministro degli Esteri francese Bernard Kouchner, noto per il suo impegno umanitario, ha rassicurato il popolo iraniano che gli europei sono dalla loro parte.

È stata quindi tenuta sul palco una performance con la bandiera iraniana e il simbolo del Leone e del Sole, che è stato rimosso dal regime dopo la rivoluzione del 1979.

Un gruppo di giovani che sono fuggiti di recente dall’Iran è salito sul palco. Una giovane donna ha spiegato di avere lasciato l’Iran tre anni fa e ha affermato che la Resistenza, dopo essere stata oggetto di menzogne e propaganda da parte del regime, è più forte e presente che mai. Ha detto che la gente è orgogliosa di avere la signora Rajavi come leader e che sono “pronti ed entusiasti e desiderosi” di continuare a contribuire al movimento della Resistenza.

Il giudice Michael Mukasey, ex procuratore generale degli Stati Uniti, ha detto che “le stelle sono allineate per realizzare ciò che vogliamo – la caduta del regime”. Ha detto che gli sforzi americani non si fermeranno “finché non avremo un Iran libero e pacifico”.

Il giudice Louis Freeh, ex direttore dell’FBI, si è rivolto ai combattenti per la libertà in Iran. Ha detto: “Siamo qui per voi e vi sosteniamo e siamo sbalorditi dal vostro coraggio e dalla vostra audacia. Possiamo spostare dei satelliti per aiutarvi a comunicare e possiamo punire quelli che fanno affari con il regime”. Si è anche rivolto ai capi oppressori e criminali in Iran dicendo che il mondo in cui viviamo adesso non è com’era cento anni fa. Ha detto loro che ora c’è la possibilità di consegnare i criminali alla giustizia. Freeh ha evidenziato che non è solo la democrazia che sta aspettando, ma vuole vedere anche la giustizia.

È stato quindi mostrato un altro video, che mostra che la signora Rajavi e il MEK hanno sostegno in tutte le 31 province dell’Iran.

Durante i discorsi della delegazione britannica di diverse forze politiche, sir David Amess, membro del Parlamento dal 1983, ha affermato che lui e i suoi concittadini sono in grado di godere della libertà in tutti gli aspetti della vita e che questo è ciò che desidera per il popolo iraniano. Ha detto che la delegazione del Regno Unito rappresenta membri della Camera dei Comuni, della Camera dei Lord, della Law Society dell’Inghilterra e del Galles, accademici e leader religiosi.

L’ex ministro degli Affari Esteri italiano Giulio Terzi ha affermato che gran parte della società italiana sa che stare dalla parte della Resistenza è stare dalla parte giusta della storia. Roberto Rampi, un senatore italiano, ha dichiarato: “La vostra lotta è la nostra lotta”.

Personalità di diversi Paesi europei, tra cui Eduard Lintner, ex ministro degli Interni tedesco, Martin Patzelt, membro del Bundestag, Marcin Swiecicki, membro del parlamento polacco e Lars Rise, presidente del Comitato Norvegese degli Amici di un Iran Libero, hanno parlato del loro impegno per la liberazione dell’Iran. Lars Rise ha affermato che il movimento può portare diritti umani e democrazia, ma anche pace e tranquillità nella regione. Ha ricordato che tutti gli esseri umani sono uguali e ha detto alla signora Rajavi: “Ci uniamo a voi nella lotta per valori comuni”.

In teleconferenza, i membri della Resistenza e gli ex rifugiati di Camp Ashraf che ora risiedono in Albania hanno parlato con schiacciante ottimismo sul futuro dell’Iran, nonostante le strazianti storie di repressione che hanno raccontato. La signora Rajavi ha ringraziato umilmente gli attivisti di Ashraf per il loro ruolo cruciale.

La delegazione albanese comprendeva Pandeli Majko, ex Primo Ministro, e Fatmir Mediu, leader del Partito Repubblicano Albanese. Majko ha detto: “Forse non parliamo la vostra lingua, ma parliamo la lingua del cuore”. Ha ricordato al regime che “avere un cavallo non significa che sei un cavaliere”. Tremila iraniani sono attualmente rifugiati in Albania.

Diverse donne di primo piano sono salite sul palco per parlare soprattutto del ruolo delle donne in Iran. Frances Townsend, ex assistente del Presidente degli Stati Uniti per la Sicurezza interna e l’Antiterrorismo, ha parlato del ruolo essenziale delle donne nella società in Iran e le ha elogiate per avere intrapreso iniziative per sfidare i mullah. Ha citato l’esempio di quelle fra loro che si sono tolte il velo. Townsend ha detto che le donne continueranno a governare la resistenza e questa è una grave minaccia per il regime. Le giovani donne dell’Iran stanno prendendo il testimone dalle loro madri e nonne e Townsend le ha incoraggiate a continuare quello che è stato avviato da generazioni prima di loro.

Rama Yade, ex ministro francese per i diritti umani, ha dichiarato di essere molto orgogliosa del fatto che la Francia accoglie la Resistenza. Il cambiamento dall’Iran non verrà da fuori dell’Iran, ha detto: “Verrà dall’interno perché l’Iran appartiene al popolo”.

Riguardo alle proteste in corso dal 28 dicembre, Ingrid Betancourt, ex senatrice e candidata alla presidenza colombiana, ha affermato che siamo stati testimoni del mantenimento della promessa della signora Rajavi.

Altre quattro donne illustri provenienti da diversi Paesi – Ranjana Kumari, Maria Elmeida, Elena Elverdin e Munizae Jahangir – sono salite sul palco a sostegno della Resistenza e in particolare delle donne. Hanno chiamato la signora Rajavi ad unirsi a loro sul palco e la signora Rajavi ha elogiato tutte le donne che sono state determinanti nel guidare la Resistenza.

La delegazione romena ha evidenziato che è stata presente al raduno per l’Iran libero per sette anni consecutivi. Hanno detto che possono capire la difficile situazione del popolo iraniano perché il popolo rumeno si è trovato in una simile situazione ed hanno espresso la propria solidarietà. “Tutti dobbiamo godere della libertà” – hanno aggiunto.

L’evento si è concluso con diverse esibizioni e anche con la notizia positiva che si stanno scatenando nuove proteste in Iran. Sono stati mostrati video di persone che scendono in piazza chiedendo il cambio di regime e la caduta del regime clericale. Una donna è stata persino vista affrontare coraggiosamente le forze di sicurezza repressive.

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.

« »