MENU

z in evidenza
Category Archive

Rivlin dopo Peres. Il “falco” dei coloni presidenti d’ Israele

giugno 11, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su Rivlin dopo Peres. Il “falco” dei coloni presidenti d’ Israele

    di Ennio Remondino Il neo presidente Rivlin e il premier Netanyahu, due uomini di destra non amici tra loro all’esame della storia Reuven Rivlin, del partito di destra Likud, è il nuovo presidente di Israele. Succede a Shimon Peres. Rivlin, 74 anni, sarà il decimo capo dello Stato israeliano. Già presidente della Knesset, ...

Read More

Bagheria a 5 Stelle

giugno 10, 2014 • Politica, z in evidenzaCommenti disabilitati su Bagheria a 5 Stelle

di Dario Cataldo Al ballottaggio con il candidato del PD, a spuntarla con il 70 % dei voti è Patrizio Cinque, neo sindaco del comune siciliano.  Un quasi plebiscito decreta la vittoria del nuovo che avanza. Il Movimento cinque stelle, già primo partito

Questa sinistra radicale ……così poco radicale

giugno 10, 2014 • Politica, z in evidenzaCommenti disabilitati su Questa sinistra radicale ……così poco radicale

di Aldo Giannuli Per capire i risultati dei partiti della sinistra europea partiamo da questo quadro riassuntivo: -Germania: Linke 7,4% (nel 2009 il 12% nel 2013 l’8,6%) -Francia: Front de Gauche 6,3% (presidenziali 2012 l’11,1% diventati il 6,9% nelle

Le ragioni profonde dell’ascesa della destra in Europa

giugno 9, 2014 • Politica, z in evidenzaCommenti disabilitati su Le ragioni profonde dell’ascesa della destra in Europa

Il 4 giugno 2014 è apparso un articolo di Robert Kaplan per Stratfor, che sostiene che le nuove destre nazionaliste europee costituiscono fondamentalmente una reazione alla politica “di sinistra” dell’Unione Europea, ma una reazione che non offre

IL Medio Oriente. cuore del globo in crescente subbuglio

giugno 9, 2014 • Mondo, z in evidenzaCommenti disabilitati su IL Medio Oriente. cuore del globo in crescente subbuglio

L’assetto geopolitico dell’Estremo Oriente sta cambiando. In pochi giorni alcuni eventi hanno richiamato l’attenzione su cambiamenti strategici rapidi e preoccupanti, in una regione cui siamo abituati a interessarci soltanto per la straordinaria

Attenti a quei due

giugno 7, 2014 • Mondo, z in evidenzaCommenti disabilitati su Attenti a quei due

di Ennio Remondino Nuova corsa agli armamenti, possibilmente “Made in Usa”. Dopo quella dei Soviet la paura ora è Russia Ormai è scontro aperto tra Vladimir Putin e Barack Obama, con una attitudine al rilancio da parte di Obama che non rassicura

RAI, il pensiero unico alle porte

giugno 6, 2014 • Politica, z in evidenzaCommenti disabilitati su RAI, il pensiero unico alle porte

di Vincenzo Vita Attorno alla questione Rai –neanche troppo oscuro oggetto del desiderio- si sta giocando una partita che supera di gran lunga i confini dell’azienda. Una prova di forza, ad alto contenuto simbolico, decisa dal governo. Del resto, ora il

Da non perdere, “Pane e burlesque”

giugno 5, 2014 • Cinema e Dintorni, z in evidenzaCommenti disabilitati su Da non perdere, “Pane e burlesque”

  di Gianfranco Pagliarulo Magico e divertente il primo film  della regista Manuela Tempesta Imparare, scegliere, mettersi in gioco, a maggior ragione se si naviga in cattive acque. Ma che c’entra col burlesque? In una cittadina in provincia di Bari,

L’Iran di Rouhani “il moderato”

giugno 5, 2014 • Mondo, z in evidenzaCommenti disabilitati su L’Iran di Rouhani “il moderato”

di Esmail Mohades* Le gru, simbolo del lavoro, in Iran son un sibolo di morte, perchè usate regolarmente per impiccare dissidenti, donne, apostati e chiunque non rientri negli schemi del regime. A dispetto di quanto si tenti di far credere, nel silenzio

Scontro fra islamisti e conservatori e il futuro del Medio Oriente

giugno 5, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su Scontro fra islamisti e conservatori e il futuro del Medio Oriente

Dalla metà del XX secolo il Medio Oriente ha visto l’ascesa e il declino di diverse potenze. Fra il 1950 e il 1960 era certamente l’Egitto del carismatico Gamal Nasser a detenere il ruolo di paese guida nella regione. Con la sconfitta dell’Egitto da