MENU

Agorà
Category Archive

EU sempre più destra Fr. Frontale nazionale It. No al Grillo urlante

maggio 26, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su EU sempre più destra Fr. Frontale nazionale It. No al Grillo urlante

di Ennio Remondino* Le urla minacciose di Grillo regalano voti a Renzi e mettono in mutande il Movimento. FI, Berlusconi chi?  L’Europa si conferma sostanzialmente conservatrice con nuove spinte verso l’estremismo di destra. In Francia sfonda ‘Front National’ e la Germania manda a Strasburgo il primo neonazista. Solo Italia, Grecia e Spagna in

Read More

Il Manifesto della Vergogna

maggio 20, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su Il Manifesto della Vergogna

 di Dario Cataldo A ridosso delle prossime elezioni politiche, tanti buoni propositi, roboanti promesse su come cambieranno le cose se verrà eletto Tizio, Caio oppure Sempronio. Tra aumenti delle pensioni, sgravi fiscali, più posti di lavoro, ricchi premi

Giappone, Europa, Cina, Russia: il complesso gioco degli interessi intrecciati

maggio 12, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su Giappone, Europa, Cina, Russia: il complesso gioco degli interessi intrecciati

di Dario Cataldo Il 30 aprile scorso il premier giapponese Shinzo Abe ha incontrato il cancelliere tedesco Angela Merkel.  Abe continuerà il tour europeo visitando Regno Unito, Francia, Belgio, Spagna e Portogallo. Negli incontri parlerà anche di sicurezza

Le Front National, la fascista d’oltralpe e la stupidità di casa

maggio 6, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su Le Front National, la fascista d’oltralpe e la stupidità di casa

    di Ennio Remondino* Da Noi la Zanicchi fa la scienziata al posto della Montalcini. Pelù a San Giovanni al posto di Lama. In Francia i fascisti un po’ ripittati di Marine Le Pen, dove comandano sono dei duri: decidono il coprifuoco per minori, vietano

In Sicilia, la “settimana della cultura tunisina”

aprile 29, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su In Sicilia, la “settimana della cultura tunisina”

    di Dario Cataldo Che la Sicilia fosse un luogo d’incontro e non di scontro, lo dice la storia, la gente solare che la popola e l’inestimabile patrimonio artistico e architettonico che circonda il suo territorio. Vero crogiolo di etnie, nella

“Quando c’era Berlinguer”, era tutta un’altra storia

aprile 15, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su “Quando c’era Berlinguer”, era tutta un’altra storia

  di Dario Cataldo A distanza di qualche giorno dalla premier del documentario di Walter Veltroni, dal titolo “Quando c’era Berlinguer”, quali gli spunti di riflessione su un uomo che ha cambiato il volto della sinistra italiana? Comunista sui

Come sta l’informazione in Sardegna?

aprile 7, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su Come sta l’informazione in Sardegna?

Al via la formazione professionale continua per i giornalisti sardi.  Ha debuttato in forma ufficiale a Olbia lo scorso due aprile il programma di formazione professionale continua (FPC) riservato ai giornalisti iscritti all’albo della Regione

Gerardo D’Ambrosio, lo ricordiamo così……

aprile 1, 2014 • Agorà, z in evidenzaComments (1)

  di Francesca Lancini Un sabato di ottobre del 2009 incontrai nella sua casa milanese Gerardo D’Ambrosio, ex procuratore capo della Procura della Repubblica di Milano e magistrato dell’inchiesta Mani Pulite. Era una delle interviste che avevo

L’anti corruzione nelle mani di Raffaele Cantone

aprile 1, 2014 • AgoràCommenti disabilitati su L’anti corruzione nelle mani di Raffaele Cantone

di Giuliano Morlando Serve una rivoluzione culturale anche da parte dei cittadini. Sarà difficile ma non una “mission impossibile”. Ridurre la corruzione a livelli fisiologici. Un aspetto della Giustizia.  La nomina di Raffaele Cantone, all’Autorità

E i partiti nazionalisti d’Europa tifano per Putin

marzo 25, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su E i partiti nazionalisti d’Europa tifano per Putin

  Mentre l’Unione Europea considera illegittima la separazione della Crimea dall’Ucraina e impone sanzioni alla Russia, i partiti nazionalisti di destra dei vari paesi d’Europa approvano più o meno apertamente la secessione, e non sostengono