MENU

Agorà
Category Archive

Corte Strasburgo: in Italia insufficienti garanzie per rifugiati

novembre 11, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su Corte Strasburgo: in Italia insufficienti garanzie per rifugiati

Che l’Italia sia un paese con grossi problemi in materia di diritti umani, non è certo una novità, e la sentenza della Corte di Strasburgo è un’ulteriore conferma. La Corte di Strasburgo ha stabilito che l’Italia è un Paese che non offre sufficienti garanzie ai richiedenti asilo per l’alloggio. Il giudizio è parte della sentenza ...

Read More

“L’eterno ebreo”

novembre 8, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su “L’eterno ebreo”

Presentato come documentario scientifico, Der Ewige Jude (“L’eterno Ebreo”) fu invece uno dei più influenti film di propaganda del regime nazista, realizzato per veicolare messaggi politici ben precisi, primo fra tutti la necessità di eliminare gli

Thomas Sankara il Che Guevara africano

novembre 5, 2014 • Agorà, z in evidenzaComments (1)

di Nuccia Decio Un Presidente che ha osato sognare un futuro per il suo Paese: Il Burkina Faso. “Sono il Presidente di un popolo che ha deciso, sul suolo dei propri antenati, di affermare d’ora in avanti se stesso e di farsi carico della propria storia

La sfida di uno scrittore : dal blogger al carcere duro

novembre 1, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su La sfida di uno scrittore : dal blogger al carcere duro

di Nuccia Decio Raif Badawi , 30 anni, è uno scrittore saudita, un ragazzo come tanti, dal volto quasi familiare. Ma questo giovane è animato da un desiderio di libertà che intende tradurre in pensiero ed espressione. Libertà e diritto all’espressione

Il mestiere di scrivere, Alberto Ongaro riceve laurea ad honorem

ottobre 27, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su Il mestiere di scrivere, Alberto Ongaro riceve laurea ad honorem

“Dall’alto dei miei 88 vedo me stesso a sette-otto anni impegnato a ruotare all’idea di fare lo scrittore. Non che ritenessi di averne la vocazione, ma quell’idea mi piaceva molto.” Questo l’incipit della Lectio Magistralis del

Donne vendute al bazar e la carta del Rojava come primo bersaglio delle milizie dell’Isis.

ottobre 14, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su Donne vendute al bazar e la carta del Rojava come primo bersaglio delle milizie dell’Isis.

Riflessione sullo sguardo pruriginoso dei media occidentali sulle guerrigliere curde: “Donne vendute al bazar per cinque dollari. Esposte come buoi, con il cartellino del prezzo al collo, condannate a essere oggetto sessuali per i militari dell’Isis:

Epidemia Ebola come fu l’Aids negli anni 80

ottobre 12, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su Epidemia Ebola come fu l’Aids negli anni 80

di Ennio Remondino* In Spagna si aggravano le condizioni dell’infermiera contagiata. Ricoverati anche due medici che la curavano I casi di contagio del virus Ebola stanno crescendo in maniera esponenziale, per questo serve un’assistenza di venti volte

Sulla crisi del sapere umanistico

ottobre 10, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su Sulla crisi del sapere umanistico

di Aldo Giannuli La crisi del sapere umanistico è ormai conclamata: negli Usa 54 membri dell’American Accademy of Arts and Sciences hanno denunciano il rischio della rapida scomparsa delle materie umanistiche dalle università americane; in Inghilterra la

Mitologia e Project Management

settembre 29, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su Mitologia e Project Management

  di Fiorello Casi Un sistema, per indirizzare e condurre i propri ragionamenti e le proprie considerazioni, alternativo e, forse, complementare a quello logico-razionale resta quello analogico. Ecco perché da qualche tempo ho cercato ad utilizzare

“Così ridevano” gli scafisti

settembre 17, 2014 • Agorà, z in evidenzaCommenti disabilitati su “Così ridevano” gli scafisti

Di Maurizio Molinari La testimonianza agghiacciante dei sopravvissuti al naufragio della scorsa settimana a 300 miglia da Malta. “Hanno speronato la nave perché abbiamo rifiutato di trasferisci su una più piccola”. Erano partiti da Gaza pagando con