MENU

La resistenza iraniana ricorda il massacro del 1988

luglio 22, 2020 • Medio Oriente, z in evidenza

Redazione –

Nel secondo giorno del Raduno Mondiale Iran Libero, domenica 19 luglio 2020, si è tenuta una conferenza internazionale online intitolata “Il massacro del 1988, un crimine contro l’umanità, rimane impunito 32 anni dopo”, nel 40° anniversario dell’istituzione del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI) e nel 32° anniversario del massacro di 30.000 prigionieri politici.

Ad Ashraf 3 ha partecipato Maryam Rajavi, presidente-eletta del CNRI. Numerosi avvocati e personaggi politici internazionali, nonché diversi membri del MEK che erano stati detenuti nelle carceri dei mullah e furono testimoni del massacro, hanno parlato durante l’evento.

Intervenendo alla conferenza, la signora Maryam Rajavi ha definito il massacro del 1988 “ un più crimine impunito contro l’umanità”.

Con la sua fatwa che sanciva il massacro del 1988, Khomeini intendeva annientare la generazione dell’OMPI/MEK, per garantire il proprio dominio, proprio come avevano fatto in Iran i Mongoli.

Per questo motivo – ha detto Maryam Rajavi – fin dall’inizio, quando sono stati rivelati i dettagli di questo massacro, abbiamo chiesto il perseguimento dei mandanti e degli autori di questo grande crimine.

La signora Rajavi ha affermato che il CNRI è stato fondato per impedire a chiunque di oscurare la sofferenza e i sacrifici dei martiri, come accaduto durante la rivoluzione anti-monarchica nel 1979, e per garantire un futuro democratico all’Iran.

Diamo uno sguardo ai piani e alle risoluzioni del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran e per il governo di transizione, che sono stati adottati a partire da oltre quarant’anni fa. Essi davvero risplendono e sono stati confermati nel tempo – ha aggiunto. Il piano prevede:

  • Il suffragio universale e il rispetto del voto delle persone, con la presa di coscienza che il regime fascista religioso dei mullah non può essere modificato, è incapace di fare riforme ed è persino incapace di negoziare.
  • Il Piano di Pace, una politica di pace e un movimento pacifista contro la belligeranza di Khomeini, e il Piano per l’autonomia delle minoranze etniche nel quadro dell’unità e dell’integrità territoriale dell’Iran.
  • Il Piano sulla Separazione tra Religione e Stato e il Piano sulle Libertà e sui Diritti delle Donne.

La signora Rajavi ha aggiunto: Negli ultimi 40 anni, il regime ha costantemente e regolarmente dichiarato che l’OMPI/MEK e la Resistenza iraniana sono il suo principale nemico e la sua prima linea rossa.

Per quattro decenni, il regime clericale ha compiuto ogni sforzo, con campagne di demonizzazione, esecuzioni, massacri e terrorismo, per distruggere questa alternativa, che è ciò che deve esistere.

Ha cercato di convincere il mondo che non esiste alternativa a questo regime e che il mondo deve andare d’accordo con i mullah. E quando non è riuscito a distruggere l’OMPI/MEK e il Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI), afferma che l’OMPI/MEK e il CNRI sono peggiori del regime e quindi, di nuovo, il mondo deve soccombere ad esso.

La presidente-eletta del CNRI ha osservato che la scorsa settimana il ministro della Sanità del regime iraniano ha citato un rapporto dei suoi colleghi di sicurezza e intelligence che dice: “La gente ricorre a proteste e rivolte a causa della  povertà.

Tutte le forze di sicurezza, di intelligence e militari  devono pensare a come prevenire altre rivolte. Non è senza ragione che il regime sta dirigendo la sua campagna di demonizzazione contro l’OMPI/MEK e la Resistenza iraniana.

Le questione in gioco in Iran è la Resistenza per la libertà, per il suffragio popolare universale e per una repubblica sovrana al posto del dominio dei mullah e della dittatura religiosa. Per 40 anni, i mullah hanno crocifisso brutalmente l’OMPI/MEK e la Resistenza iraniana, ogni giorno con la raffica delle loro menzogne e accuse infondate, proprio come hanno ucciso e torturato il nostro popolo e distrutto barbaramente l’Iran.

La signora Rajavi ha affermato che il piano per formare il Fronte Nazionale di Solidarietà per rovesciare la tirannia religiosa dei mullah stabilisce che chiunque aspiri a una repubblica e ad un sistema politico democratico basato sulla separazione tra religione e Stato è indubbiamente con noi.

Il piano per il Fronte Nazionale di Solidarietà è ignorato proprio da coloro che hanno costruito un ponte verso lo scià o verso i mullah.

Quindi, siamo di fronte a gruppi e individui che sono o con il regime clericale o sono loro alleati di fatto, o sono in qualche modo allineati con il regime e si muovono nella stessa direzione. Sono allineati per quanto riguarda le sanzioni e i progetti nucleari e missilistici, o l’attivazione del meccanismo di ripresa delle sanzioni nelle sei risoluzioni sospese del Consiglio di Sicurezza dell’ONU contro il regime, o sulla designazione terroristica del Corpo della Guardia Rivoluzionaria Islamica (IRGC), oppure nel caso di Qassem Soleimani e degli interventi del regime in Siria, Libano e Yemen.

Sono d’accordo e allineati al regime su tutte queste questioni, e quindi contro il CNRI e il MEK. Dall’altra parte, ci sono quelli che hanno resistito a questo regime e sono, quindi, con noi o si muovono nella stessa direzione della Resistenza iraniana. Questa è la demarcazione primaria, più significativa e più grande in Iran oggi.

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.

« »