MENU

Emanuele Severino, il filosofo che non cesserà di essere

gennaio 24, 2020 • Agorà, z in evidenza

 

di Davide Cavaliere –

Emanuele Severino era un uomo gentile. Un intellettuale vero, quindi alieno alla spocchia accademica e all’arroganza salottiera. Si prestava volentieri a dialoghi e interviste, spesso condotte nella sua casa, seduto su una poltrona bordeaux fra tonnellate di libri. Forse, parlava così volentieri della sua filosofia perché sentiva, pressante, il bisogno di spiegare un pensiero così radicale e controintuitivo: «Tutto è eterno». Un capovolgimento di Eraclito, niente scorre ma tutto sta, per sempre. 

Immerso tra mezze filosofie, pensieri deboli, metodologie dogmatiche, sociologie spicciole e teorie del linguaggio soporifere, Severino affermò un pensiero forte, una filosofia orientata alla Verità del mondo e non alla certezza gnoseologica del soggetto. Si faceva beffe dei moderni come dei post-moderni. 

A ventitré anni era libero docente all’Università Cattolica del Sacro Cuore, poi otterrà la docenza in filosofia teoretica. Dal mondo cattolico si congederà progressivamente, quando si accorgerà che il pensiero che andava sviluppando confliggeva col tomismo dell’Università. Così descriverà il parto della sua filosofia: «Fu come trovarsi in un vortice, in un maelström, e in basso apparve la terra. L’essere eterno mi si presentò in questo modo, aveva il carattere di questo fondo marino».

Una visione sublime, apocalittica, uno squarcio in mezzo al mare che ne rivela l’abisso. Per Severino la grande eresia dell’Occidente è la convinzione che tutto venga dal nulla e verso il nulla proceda. Che l’esistenza sia davvero solo un ex-sistere, un venir fuori dall’indescrivibile nulla, dall’assenza totale. Ma come insegna Parmenide di Elea, l’Essere è e il Non-Essere non è, solo l’Essere è e quindi può essere pensato e definito. Al contrario, in Non-Essere, il Nulla è solo un flatus vocis, una emissione di voce. Da Parmenide in poi, l’uomo ha evocato stregonescamente il divenire, inteso come emersione dell’Essere dal nulla e in processione verso il nulla. 

L’abbandono dell’eternità dell’Essere ha provocato nell’uomo l’angoscia del Non-Essere, del vuoto, del nulla e la necessità disperata della presenza di qualcosa che resista al niente verso cui si scivola. Come rimedi, l’umanità ha innalzato degli immutabili fasulli come Dio e la Natura. Ogni Ente permanente viene elevato alla dimensione stabile del sapere, l’epistéme. In realtà è il mondo che ci appare davanti l’eterno, l’unico vero immutabile.

Ultima grande invenzione umana che li renda capaci di dominare l’angoscia che l’idea del divenire porta con sé è la Tecnica, il cui scopo è «l’incremento indefinito della Potenza». La Tecnica che muove la scienza moderna nasce con lo scopo di liberare gli uomini da immutabili soffocanti come Dio, facendo precipitare nuovamente l’umanità nell’angoscia del nulla. 

In Severino il divenire, lo svolgersi degli eventi assomiglia a una pellicola cinematografica. Il fotogramma che non vediamo più, non cessa di esistere, non diventa nulla, semplicemente scompare dalla nostra vista. Solo comprendendo questo, l’uomo può superare la follia del divenire e il timore che porta con sé. Severino ama dire che «la legna è cenere» e non che «diventa» cenere, perché nulla finisce e nulla sorge dal nulla, tutto permane, anche ogni momento della vita degli uomini e gli individui sono il luogo dove si raccolgono gli eterni. 

Siamo soliti pensare che il ricordare, sia evocare un episodio che è non è più, che è nulla. Ma se il nulla non può essere pensato e non può esistere, allora sto richiamando ciò che è eterno. Da qui il titolo della sua autobiografia, «Il mio ricordo degli eterni». La morte, per Severino, è un assentarsi dall’eterno, «scomparire» è il termine esatto, ma ciò che scompare non cessa di essere. Eraclito viene messo a testa in giù poiché «Tutto è eterno». Dopotutto, a ben vedere, la nostra esperienza non smentisce l’eterno. Chi può affermare di aver fatto esperienza del nulla?

Ospite di Monica Mondo al programma SOUL, a una domanda della conduttrice sulla morte ha risposto: «La morte è l’apertura di un cammino infinito. Noi siamo destinati, per usare le parole di Fichte, all’eternità. All’eternità non nel senso originario, nel senso che gli eterni sono destinati a farsi avanti in volumi sempre più ampi, quindi la vita eterna è ciò che ci si apre dopo la morte». Proseguendo poi: «Non è speranza, è certezza». Aveva la certezza umile dei grandi pensatori. Severino amava la musica, disse di ascoltarla la sera per evitare di pensare, altrimenti non avrebbe dormito. 

Adesso è scomparso, gli eterni si curvano su di lui. La pellicola si è riannodata, le immagini sparite dallo schermo. È uscito dal «cerchio dell’apparire». È passato oltre lo specchio, non si riflette più e non lo vediamo più riflesso, ma non ha cessato di essere.

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.

« »