MENU

Gli esuli iraniani manifestano a Londra

luglio 30, 2019 • Mondo, z in evidenza

Redazione –

Il nuovo governo britannico deve cambiare la politica nei confronti di Teheran, questo hanno chiesto gli esuli iraniani.

Sabato 27 luglio 2019, 3.000 iraniani che vivono a Londra hanno manifestato nelle strade del centro della capitale britannica e hanno chiesto sanzioni globali contro il regime dei mullah e l’inclusione nell’elenco dei terroristi, i Guardiani della Rivoluzione (Pasdaran), il Ministero dell’intelligence (Vevak) e l’Ufficio Khamenei (Guida suprema del regime). Hanno sostenuto la resistenza iraniana e il suo presidente eletto, Maryam Rajavi .

Hanno sottolineato che mentre il regime dei mullah può essere rovesciato dal popolo e dalla resistenza, il Ministero dell’intelligence e la forza terroristica Qods stanno più che mai cercando di demonizzare la resistenza iraniana attraverso “giornalisti amichevoli” in vari paesi, in particolare nel Regno Unito, in pubblicazioni come The Guardian , trasmettendo Fake News . Ma investire in questo regime fallito è destinato al fallimento.

La compiacenza con i mullah, la principale fonte di terrorismo e guerra mondiale nella regione e nel mondo, con il pretesto di prevenire la guerra, è tanto dannosa e pericolosa quanto l’accordo del 1938 con Hitler.

La signora Rajavi ha detto ai manifestanti: “La tua protesta a Londra è il culmine di una serie di manifestazioni di protesta per l’Iran gratuite che si sono svolte da Bruxelles a Washington, da Berlino a Stoccolma in un mese e mezzo. E questo è il risultato dell’incontro annuale della resistenza iraniana tenutosi ad Ashraf 3 , due settimane fa, per cinque giorni. “

Ha aggiunto che la pace e la libertà saranno vinte solo nella battaglia contro il regime del Capo Supremo. Questo è contro i sostenitori della compiacenza che difendono il regime sotto una maschera di pacifismo. Il risultato della politica di compiacimento con il regime, la repressione dei Mojahedin e la cecità sulle violazioni dei diritti umani, in particolare nell’accordo nucleare, si possono vedere nell’attuale presa sul regime dei mullah. sulle navi nel Golfo Persico e gli attacchi bellicosi del regime nella regione e le sue operazioni terroristiche e di spionaggio in Europa e negli Stati Uniti.

Sottolineando che i mullah non comprendono altre lingue oltre a quella di forza e determinazione, la signora Rajavi ha invitato la Gran Bretagna e l’Europa a smettere di pagare i riscatti ai mullah , a non contribuire alla riduzione di sanzioni e designare i guardiani della rivoluzione, il ministero dell’intelligence e gli organi di Khamenei e Rohani nelle liste del terrorismo e, invece di segnalare al fascismo religioso, di schierarsi con il popolo iraniano per il cambio di regime. ..

Ha espressamente invitato il nuovo governo britannico a sostenere i diritti umani in Iran e ad agire per inviare una delegazione investigativa internazionale a visitare le prigioni del regime e incontrare prigionieri politici, in particolare donne.

“Il regime in atto è stato circondato da un popolo esasperato, convinto che la sua liberazione è possibile solo attraverso il rovesciamento dei mullah. Questo regime non ha risorse per sopravvivere e lotte nel turbine del rovesciamento. Il fascismo religioso finisce e l’Iran sarà libero “, ha concluso la signora Rajavi.

Politici come Matthew Offord , membro del parlamento britannico e presidente della commissione parlamentare per un Iran libero e democratico, Struan Stevenson , coordinatore della campagna per il cambiamento in Iran, senatrice Catherine Noone , vicedirettore del senato irlandese, Jimmermann Higgins , ex membro del Presidio del Parlamento europeo, il senatore Jerry Horgan del Senato d’Irlanda, Roger Godsif , membro del Parlamento britannico, Paulo Casaca , ex membro del Parlamento europeo, Brian Binley, ex membro del Parlamento britannico, Roger Lyons, ex presidente dell’Unione dei lavoratori del Regno Unito, diversi membri dell’Ordine dell’Inghilterra e del Galles sono intervenuti alla manifestazione.

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.

« »