MENU

Iran, l’attivista Sahar Kazemi condanna a 5 anni di carcere

febbraio 19, 2019 • Paralleli, z in evidenza

Redazione –

Proseguono ininterrottamente gli arresti arbitrari da parte del regime iraniano nei confronti dei manifestanti e dissidenti, Sahar Kazemi, un attivista civile curda residente in Iran, è stata condannata a cinque anni di prigione dalla corte di Sanandaj in Iran.

I parenti della signora Kazemi hanno confermato la notizia e hanno sottolineato di essere stata condannata per le sue attività nel campo dei diritti civili e delle questioni ambientali.

Dopo la sentenza pronunciata dalla corte di Sanandaj, Sahar Kazemi protestò e fece appello. Il caso della signora Kazemi è stato rinviato alla Court of Appeal.

Simultaneamente alla condanna dell’attivista Sahar Kazemi a cinque anni di prigione, suo marito, Madeh Fat’hi, è stato rilasciato dopo tre mesi di carcere su cauzione di 100 milioni di topo.

Sahar Kazemi, attivista ambientalista, avvocato per i diritti civili e allenatore sportivo di Sanandaj, è stata arrestata il 9 agosto 2018 a casa sua dai servizi di intelligence. Gli agenti hanno saccheggiato la sua casa. Negli ultimi due anni, Sahar Kazemi è stata convocata più volte dai servizi di intelligence di Sanandaj, dove è stata interrogata.

Sahar Kazemi è stata rilasciato temporaneamente il 24 novembre 2018, ma è stato nuovamente arrestato domenica 2 dicembre 2018, dopo essere stata alla Procura di Sanandaj; anche il marito di Sahar Kazemi, Madeh Fat’hi, è stato arrestato lo scorso autunno e detenuto per tre mesi in una cella di isolamento nel centro di detenzione di intelligence di Sanandaj.

Numerosi  attivisti ambientali sono stati arrestati dal febbraio 2018 con l’accusa di spionaggio,13 sono stati detenuti per mesi. Houman Jowkar, direttore generale del progetto asiatico di conservazione del ghepardo in Iran; Taher Ghadirian, giovane scienziato e coordinatore delle risorse umane presso l’UNESCO; Sam Rajabi, esperto ambientale; Amirhossein Khaleghi e Niloufar Bayani, esperti di fauna selvatica; Sepideh Kashani, moglie di Houman Jowkar ed ex consigliere per le attività del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente; Morad Tahbaz lavora per la Persian Wild Heritage Foundation.

Inoltre venerdì 16 febbraio 2019, la polizia  ha cercato di arrestare due giovani donne che considerava “poco velate” a Teheran. Un gruppo di persone è intervenuto e ha salvato le giovani donne dall’arresto. Il 16 febbraio 2019, l’agenzia di stampa ufficiale dell’IRNA ha annunciato ufficialmente scontri tra una folla e il vicepresidente che si è tenuta venerdì 16 febbraio 2019, dopo il tentativo di arresto delle due giovani donne a Narmak.

Secondo alcuni testimoni, i funzionari della vice polizia voleva arrestare le giovani donne che consideravano “poco velate” e hanno cercato di fermarle. Tuttavia, un gruppo di persone è intervenuto per proteggerle e ha impedito alla polizia di catturarle.

Temendo di vedere il gruppo aumentare di dimensioni e rabbia, la polizia ha cercato di disperdere la folla sparando in aria. Violenti scontri hanno seguito gli spari e la folla ha rotto la porta del veicolo della polizia e salvando le due giovani donne.

L’agenzia IRNA ha confermato questa notizia e che la portiera del veicolo è stata danneggiata. L’agenzia di stampa ha anche confermato il video scattato dai telefoni cellulari sulla scena dello scontro, in un dispaccio datato 16 febbraio 2019.

La repressione delle donne sulla base del loro “cattivo velo” è un approccio sistematico, sostenuto dal potere in Iran, dalla violenza contro le donne.

Un video trasmesso sui social media 18 Aprile 2018 ha mostrato almeno quattro  pattuglie attaccare quattro giovani donne in un parco, aggredendole e spintonandole per il modo in cui indossavano il velo e perché hanno si rifiutavano di salire sul furgone della pattuglia. Una delle giovani donne che soffriva di problemi cardiaci è collassata a causa dei colpi.

Il video è diventato rapidamente virale suscitando sdegno  in Iran e in tutto il mondo al punto che un certo numero di funzionari del regime, incluso il ministro degli Interni, hanno dovuto denunciare la ferocia delle pattuglie e la promessa seguire il caso e punire gli agenti coinvolti.

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.

« »