MENU

Iran, proteste, arresti e torture. L’asservimento dell’Europa

gennaio 2, 2018 • Mondo, z in evidenza

 

 

di Loredana Biffo –

l’Iran costituisce una minaccia alla sicurezza mondiale ed è anche una minaccia alla sicurezza del popolo iraniano. Le almeno 548 esecuzioni compiute nel 2017 dall’Iran lo confermano primatista mondiale per numero di esecuzioni rispetto alla popolazione.

Le manifestazioni di piazza di questi giorni lo esprimono chiaramente e la gente reclama diritti civili ed una ripresa economica che l’attuale regime può promettere ma non può concretamente offrire perché possono anche cambiare i volti dei governanti ma la natura del sistema di potere, fondato sul principio del Velayat-e Faqih, della primazia assoluta della Guida Suprema, non può mutare. Lo dimostra il rischio di pena di morte per i manifestanti.

Lunedì notte, 2 gennaio 2018, alla fine del quinto giorno della rivolta nazionale del popolo iraniano contro il regime clericale, Guardie della Rivoluzione ( Passdaran ) e altre forze di sicurezza governatice hanno ucciso almeno 30 manifestanti. Dieci morti sono avvenuti lunedì a Ghahdirijan (provincia di Isfahan). Altre città in cui le forze di sicurezza hanno ucciso i manifestanti erano Doroud, Izeh, Toysirkan, Shahin-Shahr, Hamedan e Nourabad.

Il vice governatore del regime a Teheran, Ali-Asghar Nasser, ha dichiarato martedì all’agenzia di stampa statale ILNA che “ieri un centinaio di persone sono state arrestate a Teheran e il numero totale di detenuti a Teheran durante il 31 dicembre e l’1 e 2 gennaio, ha raggiunto il 450 nella sola Teheran.” Più di 90% dei detenuti hanno meno di 25 anni

Il governatore del regime a Izeh (provincia del Khuzestan) ha detto: “Diverse persone sono state ferite e uccise negli ultimi giorni” a Izeh. Ha annunciato che “le scuole della città saranno chiuse tutto il pomeriggio di oggi (martedì)”.

Il brigadiere dei Passdaran Hossein Zolfaghari, il vice della sicurezza del ministero dell’Interno, ha minacciato i manifestanti lunedì 1 gennaio per rafforzare un maggiore controllo, riconoscendo che oltre il 90 per cento dei detenuti sono giovani e adolescenti con un’età media inferiore ai 25 anni.

ILNA, l’agenzia di stampa statale, ha scritto il 1 ° gennaio che domenica le forze dell’ordine e le autorità giudiziarie avevano riferito di aver arrestato più di 400 persone durante le recenti proteste.

Secondo i rapporti preliminari, il numero dei detenuti ammontava a 1.000 entro domenica 31 dicembre. Inoltre, domenica sera, le forze delle Guardie della Rivoluzione ( Passdaran ) e i mercenari in borghese hanno arrestato un gran numero di persone e giovani a Mashhad. In precedenza, un certo numero di persone sono state arrestate anche a Qazvin e Qaemshahr.
I servizi segreti del regime hanno arrestato due giovani fratelli lunedì pomeriggio in un’incursione nella loro casa nel villaggio di Konjedjan di Golpayegan. Anche i mercenari picchiavano la madre quando li arrestavano.


Quattro delle forze repressive che hanno partecipato all’arresto di questi due giovani fratelli erano Passdar Capt. Morteza Salami-Far, capo della stazione di polizia di Golshahr; Il sergente il Passdar Abbas Khalili; tenente Passdar Davoud Talari; e Passdar Capt. Seddiq, direttore dell’intelligence e della sicurezza di Golpayegan. Lo stesso giorno a Tabriz, le guardie criminali dei Passdaran hanno anche arrestato una ragazza in dimostrazione.

Finora l’Italia, l’Europa e gran parte dell’Occidente l’amministrazione Obama, sono stati responsabili di aver mantenuto in vita questo regime rifiutandosi di porre come prioritaria la questione del rispetto dei diritti umani nei dialoghi con l’Iran. Sarebbe interessante sapere se Mogheri, Bonino, Serrachiani, Boldrini e tutte le esponenti politiche del nostro paese hanno intenzione di prendere posizione in merito o se preferiscono continuare nella politica di accondiscendenza.

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.

« »