MENU

A Sassari i concerti aperitivo (To) Be in Jazz

novembre 19, 2017 • Paralleli, z in evidenza

di Luigi Coppola –

Al via la diciassettesima edizione dei Concerti Aperitivo (To) Be in Jazz, un appuntamento culto nel palinsesto del Natale sassarese. Come consuetudine sarà il Palazzo di Città di Sassari a ospitare la rassegna musicale organizzata dall’Associazione Blue Note Orchestra (ABNO) con il contributo dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Sassari, della Regione Sardegna, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e Turismo e della Fondazione di Sardegna.
Sono tre i progetti che saranno offerti al pubblico degli appassionati nelle tre domeniche di dicembre (dal tre al diciassette) nella doppia programmazione, mattutina (alle 11.00) e serale (19.30).
Roberto Spadoni, Pino Jodice e Mario Raja (che saranno anche i direttori delle formazioni orchestrali) sono gli ospiti che si avvicenderanno nelle tre domeniche con altrettanti concerti dedicati agli astri del jazz: Gerry Mulligan, Django Reinhardt e Duke Ellington.
Il debutto del direttore romano, compositore, chitarrista, Roberto Spadoni vedrà nella prima domenica la direzione del progetto “The Gerry Mulligan Songbook”, un omaggio a uno dei più grandi sax baritono della storia del jazz.

Il musicista romano ha rimodellato tali parti per il sax tenore di Massimo Carboni, che dividerà gli assolo con la tromba di Giovanni Sanna Passino. Nel programma sono inseriti alcuni dei più celebri brani di Mulligan, tra cui Walking Shoes, Carioca, Bernie’s tune e Swinghouse.
Il secondo appuntamento, domenica 10 dicembre, vedrà la direzione del pianista Pino Jodice nel progetto “Tribute to Django”, un omaggio al celebre chitarrista Django Reinhardt, straordinario musicista dall’originale estro e fine compositore.
L’epilogo della rassegna in programma domenica 17 offre l’“Omaggio a Duke Ellington”, una visitazione per orchestra jazz dello “Schiaccianoci” di P.I. Ciaikovskij e del “Peer Gynt” di Edvard Grieg ad opera dello storico duo Duke Ellington – Billy Strayhorn.
La scaletta prevede altri arrangiamenti scritti per l’organico dell’Orchestra Jazz della Sardegna dal sassofonista, compositore e arrangiatore napoletano Mario Raja anche in veste di direttore.

A latere della rassegna 2018 uno speciale appuntamento è fissato per domenica 24 dicembre con un concerto fuori programma imperdibile: l’Orchestra Jazz della Sardegna Laboratory interpreterà “Natale Swing”, uno spettacolo che rivisita la musica delle grandi orchestre della prima metà del secolo. Sarà un particolare augurio al pubblico sassarese nella vigilia del Natale.
Il festival offre altre valenze tipiche della cultura sarda.

Con il contributo di storici partner la rassegna realizza una serie di eventi collaterali che coinvolgono il settore enogastronomico, con le degustazioni curate dal Museo del Vino-Enoteca Regionale della Sardegna di Berchidda. Al Progetto aderiscono numerosi commercianti del centro storico, che esporranno nei propri esercizi le immagini della mostra fotografica itinerante incentrata sulla musica e i musicisti Jazz.
Al via il percorso di gusti “Mangiare e bere in Jazz” in collaborazione con ristoratori del centro, e l’offerta di pacchetti turistici connessi al festival. Al termine dei concerti mattutini, e per tutta la durata della manifestazione, a cura del Museo del Vino di Berchidda, saranno offerti al pubblico nel consueto aperitivo, i prodotti tipici offerti dai produttori che collaborano all’organizzazione della rassegna.

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.

« »