MENU

Mary Shelley, la mente di Frankenstein

giugno 24, 2016 • L'eco della memoria, Uncategorized, z in evidenza

mary-shelley-01

di Sara Sesti*
Frankenstein fu partorito dalla mente di una diciannovenne. La sua creatrice, Mary Shelley, è una voce scientifica molto audace. Il libro, pubblicato nel 1818, ha dato origine a uno dei miti più eccitanti e terribili della modernità: la possibilità per lo scienziato di creare la vita in laboratorio, con materiale inanimato
E anche a un genere letterario nuovo: la science fiction.

“Il mondo per me era un mistero da scoprire. Curiosità, bruciante volontà di impadronirmi delle leggi segrete della natura, e una felicità vicina all’estasi quando esse mi si svelavano: queste sono le prime sensazioni che riesco a ricordare”.

Era figlia della filosofa Mary Wollstonecraft (morta pochi giorni dopo il parto), autrice del bellissimo romanzo “Mary” – Una donna non una sposa – , che narra di una donna pienamente romantica: vuole vivere la propria vita fino in fondo e per farlo lotta contro il destino avverso e le convenzioni della società dell’epoca, ostili a qualsiasi autonomia femminile;  antesignana del femminismo. Il padre di Mary Shelley era il filosofo e politico William Godwin.

In una villa sul lago di Ginevra, nel 1816, per una scommessa fra lei, Lord Byron e John Polidori sul tema dell’oscurità e del mistero della vita e della morte, nacque il racconto Frankenstein… Byron scrisse una storia di mostri, mai terminata, Polidori il primo racconto sui vampiri.

Mary vinse la scommessa. All’uscita della prima edizione però il nome dell’autrice venne tenuto segreto. Un avvenimento emblematico dei vari tentativi di oscurare il suo indubbio valore.
Ebbe una vita colma di dolore: da bambina crebbe nell’idealizzazione di una madre cui aveva di fatto tolto la vita nascendo, adolescente entro’ nel mondo di una sessualità subito associata a maternità luttuose, emarginata per ragioni sociali e politiche, a ventiquattro anni, infine rimase vedova, dopo il naufragio del marito.

Dalle sue opere meno famose si evince che fu radicale per tutta la sua vita, sostenendo ideali di cooperazione e di comprensione, praticati soprattutto dalle donne, come strade per riformare la società civile.

Oltre a “Frankenstein. The Modern Prometheus”, curò anche le edizioni delle poesie del marito Percy Bysshe Shelley, poeta romantico e filosofo.

 

 ************

 

*Sara Sesti: Insegnante di matematica, fa parte dell’ Associazione Donne e Scienza. E’ responsabile per l’Università Statale di Milano della rassegna di film e documentari scientifici “Vedere la Scienza. Sguardi sulle donne di scienza”. Ha curato, per il Centro di Ricerca PRISTEM dell’Università Bocconi, la prima ricerca italiana sul rapporto delle donne con la scienza, uno studio che ha prodotto nel 1998 la mostra “Scienziate d’Occidente. Due secoli di storia”. Ha pubblicato con Liliana Moro il Quaderno “Donne di scienza. 50 biografìe dall’antichità al duemila”, edizioni Pristem – Università Bocconi, 1999 e il libro “Scienziate nel tempo. 70 biografie”, LUD Milano, ultima edizione 2010. E’ autrice con Agnese Seranis e Liliana Moro del saggio “Discorsi in libertà sulla scienza”, Lud Milano, 2003 e ha curato con Lorenza Perini gli Atti del Seminario “Donne e Scienza”, Cleup Padova, 2004 . Ha fatto parte della redazione della rivista femminista ” Lapis. Percorsi della riflessione femminile “, fondato da Lea Melandri dove si è occupata di Scienza e femminismo. Ha promosso e curato dal 1990, per la Libera Università delle Donne di Milano, i corsi di alfabetizzazione informatica, di internet, sui social network e sull’ uso delle nuove tecnologie. Collabora con la rivista di matematica “Progetto Alice”.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.

« »