MENU

L’ucraina posiziona i missili a Odessa

giugno 18, 2015 • Mondo, z in evidenza

 

image (2)

Redazione

L’Ucraina starebbe allestendo una base di missili S300 fra Odessa e la Transnistria. La Transnistria è la regione più a est della Moldavia (vedasi mappa), che però si è dichiarata indipendente, è filorussa e ha contingenti militari russi posizionati all’interno, così come la Crimea e le regioni orientali ribelli dell’Ucraina.

Fino a un anno fa la Russia poteva mandare rifornimenti ai suoi uomini in Transnistria via terra, attraverso l’Ucraina, oltre che per via aerea, utilizzando una piccola pista di atterraggio a Tiraspol. Ora rimane aperta soltanto la possibilità di rifornimento per via aerea.

Ma i missili posizionati a Odessa potrebbero intercettare aerei russi non autorizzati a volare nello spazio aereo ucraino. Inoltre il governo ucraino ha da poco nominato come governatore di Odessa Mikhail Saakashvili, l’ex presidente della Georgia che nei primi anni 2000 fu a capo della ‘rivoluzione delle rose’ che sottrasse la Georgia all’influenza sovietica. Saakashvili ha dichiarato che la priorità per la regione è proprio il rafforzamento della frontiera con la Transnistria, da cui potrebbero provenire infiltrati filo-russi.

Odessa è una città portuale strategica, fondata nel 1794 da Caterina la Grande per creare un importante polo commerciale sul Mar Nero. Era l’epoca in cui la Russia si stava espandendo a sud e distribuiva terre a nuovi coloni russi. Nell’arco di poco tempo Odessa divenne una delle più importanti città commerciali del paese, tant’è che a metà ‘800 dal porto di Odessa transitava metà del grano che l’impero russo esportava nel resto del mondo.

Ancora oggi Odessa, città aperta e cosmopolita, è un nodo nevralgico per le esportazioni ucraine – soprattutto grano, metalli, petrolio e ferro. Dopo l’annessione della Crimea alla Russia, Odessa è diventata sede della flotta ucraina. Il porto di Odessa impiega circa 100.000 persone – cioè 1/10 della popolazione della città.

Gli attacchi hanno colpito soprattutto uffici che offrono sostegno ai volontari che si battono contro i separatisti nell’est del paese. Gli attentatori hanno utilizzato dosi minime di esplosivo e i danni sono stati limitati. Chiunque abbia organizzato gli attacchi non intendeva fare danni gravi, ma creare un senso di insicurezza nella città. Altri attacchi più violenti hanno invece colpito l’infrastruttura ferroviaria. Come già nell’area di Kharkiv e Mariupol, anche nella regione di Odessa sono stati fatti saltare i ponti ferroviari, creando difficoltà ai rifornimenti per l’esercito ucraino nell’est del paese.

Per ora nessuno ha rivendicato gli attacchi, ma è probabile che si tratti di elementi filorussi – o per lo meno di oppositori dell’attuale governo di Kiev. Dato che i simpatizzanti dei separatisti sono pochi, i separatisti debbono muoversi con circospezione e non possono che ricorrere ad attacchi di bassa entità. La situazione è in stallo, proprio perché il grosso della popolazione non si fa coinvolgere nello scontro, non prende parte. Questo porterà i pochi potenziali ribelli a moltiplicare gli attacchi per creare insicurezza, oppure a sospenderli?

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.

« »