MENU

Nello Yemen i ribelli si rafforzano

ottobre 23, 2014 • Mondo, z in evidenza

Ribelli-Yemen-1024x723

14 ottobre 2014 i ribelli zaiditi al-Houthi (gli Zaiditi sono una particolare setta sciita) hanno preso il controllo della città portuale di al-Hudaydah, la quarta città dello Yemen. 

Con questa mossa i ribelli rafforzano ulteriormente la loro posizione nei negoziati avviati lo scorso settembre per la spartizione del potere con l’attuale presidente Abd Rabboh Mansour Hadi.

ribelli chiedono maggiore rappresentanza politica, la condivisione delle risorse e l’integrazione delle milizie zaidite nell’esercito nazionale.

Secondo fonti non confermate la decima brigata dell’esercito yemenita, composta dalle unità della Guardia Repubblicana dell’ex presidente Ali Abdullah Saleh, avrebbe aiutato i ribelli, sollevando dubbi sul ruolo dell’ex presidente nell’attuale contesto.

I ribelli mirano a ottenere alcuni ministeri internazionali e posizioni di rilievo all’interno dell’apparato energetico, finanziario e militare per manovrare le decisioni governative dietro le quinte – una strategia simile a quella di Hezbollah in Libano.

Al-Hudaydah (mappa in alto) è un importante snodo commerciale attraverso cui transita la maggior parte delle merci, ed è perciò al centro di una rete di autostrade che collegano la città alle altre regioni del paese. Inoltre si trova a breve distanza dalla più importante regione agricola del paese, la pianura Tihama, e a soli 40 km dal terminale di Ras Isa, che esporta fra i 70 e i 100 mila barili di petrolio al giorno dai giacimenti del Marib.

Il governo yemenita non può permettersi di perdere il terminale di Ras Isa, da cui dipende l’economia del paese, né può apparire debole di fronte alle altre fazioni ribelli – fra cui fazioni legate ad al Qaeda – ma per ora non pare avere la capacità di ristabilire il controllo del territorio.

Gli al-Houthi hanno recentemente occupato anche il capoluogo della provincia montuosa del Dhamar – dove è forte la presenza di al Qaeda nella Provincia Araba (AQAP) – costringendo alle dimissioni il governatore.

Ora però gli al-Houthi si stanno avventurando in regioni a maggioranza sunnita, e questo allarma le tribù locali. A Marib (mappa a destra) le tribù sunnite hanno chiamato a raccolta i miliziani dell’AQAP dalle province di Hadramawt, Shabwa e Abyan per rinforzare la difesa contro potenziale incursioni. Aumentando troppo il raggio d’azione, i ribelli al-Houthi rischiano di indebolirsi.

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.

« »