MENU

Si apre il sipario a Sassari: questa la nostra stagione.

novembre 15, 2013 • Cinema e Dintorni

 

download (2)

di Luigi Coppola

“La notizia è che si fa la stagione” – Il saluto di Gianfranco Ganau, sindaco di Sassari è più di un sospiro di sollievo, salutato dal gruppo di giornalisti (sempre più giovane quello proveniente dalle redazioni dinamiche e digitali della editoria virtuale), presente a Palazzo Ducale la mattina del 13 novembre. “La stagione di prosa, per noi per i sassaresi è un pezzo importante della programmazione, della storia, della cultura della nostra città” – conferma il primo cittadino, soddisfatto di avere garantito anche quest’anno con l’amministrazione comunale, l’apertura del sipario sulla stagione di prosa 2013-14, firmata Cedac.
La rassegna, giunta quest’anno alla trentaquattresima edizione, è stata illustrata nei contenuti del palinsesto, dai responsabili del circuito teatrale, giunti da Cagliari. Antonio Cabiddu, presidente Cedac, ha sottolineato “l’immagine fresca e positiva” del pubblico di Sassari, omaggiato nello slogan “Questa è la nostra stagione”, stampato sulla locandina e nei pieghevoli che promuovono la rassegna.
Un pubblico, quello sassarese, molto attento e sensibile oltre che giovane (grazie ai sostegni dell’Università e della scuola sassarese, rappresentati dalla responsabile ERSU e dal dirigente scolastico dello storico liceo classico Azuni). – “che ci segue da anni con numeri importanti” – hanno ribadito gli esponenti cagliaritani. Consapevoli di aver incastonato, dieci spettacoli per un totale di venti repliche, in programma al nuovo teatro comunale, con un cartellone eccellente. Equilibrato nei gusti della prosa brillante rispetto ai temi dei classici. Una commistione di volti e interpreti noti anche in altri ambiti della recitazione. Che confermano un legame non più disgiunto dai luoghi prediletti dalla prosa: teatro, cinema, tv. Senza dimenticare i diversi nomi popolari al jet set cinematografico che hanno salde radici piantate sulla ribalta teatrale. Come importante (anche se non sempre fedele) è stata la traslazione sul grande schermo d’importanti piece teatrali. A loro volta sceneggiate in gran parte e mutuati dai grandi testi letterari del Novecento.
“Un cartellone piuttosto ricco con delle prime regionali assolute” – Valeria Ciabattoni, direttore generale Cedac, passa in rassegna la programmazione dei titoli, iniziando con il debutto sull’isola di Luca Zingaretti. Il popolare commissario Montalbano televisivo, nato dalla penna di Camilleri, firmerà anche la regia ne “La torre d’avorio”. La traduzione di Masolino D’amico del testo di Ronald Harwood, andrà in scena a Sassari (la programmazione è prevista anche nel cartellone di Cagliari) il 23 e 24 febbraio.
Significativi i ritorni di spessore sulla ribalta sassarese: Alessio Boni sarà protagonista ne “La Carne del Marmo” (17 e 18 febbraio), una esplorazione sul mondo e l’immaginario di Michelangelo Buonarroti; Glauco Mauri rientra in Sardegna dopo undici anni con “Una pura formalità”. Il “piccolo capolavoro” di Tornatore, che fu accolto nel ’94 sul grande schermo con la coppia reale Depardieu-Polansky, approda in teatro grazie alla versione di Mauri (10 e 11 febbraio). Anche Paolo Bonacelli, vero “animale da ribalta”, con “Il malato immaginario” di Moliere (Compagnia Teatro Stabile di Bolzano, l’ 11 e 12 marzo) e Debora Caprioglio (Compagnia Moliere Regione Veneto il 21 e 22 marzo) ingrossano le fila dei graditi ben tornati sull’isola. Senza dimenticare l’istrionico venerando Paolo Poli atteso il 14 e 15 gennaio con “Aquiloni”. Non può mancare all’appello la Compagnia del Teatro Stabile della Sardegna con la preziosa interpretazione di Lia Careddu. Protagonista (il 22 e 23 gennaio) nelle “Storie di famiglia”, un affresco familiare firmato da uno dei maggiori drammaturghi contemporanei francesi, Jean-Claude Grumberg.
Il debutto della stagione è previsto il prossimo 14 dicembre (con replica il 15) con un classico di Eduardo De Filippo, “Uomo e Galantuomo”, diretto da Alessandro D’Alatri, con Gianfelice Imparato.

Condensare tutto lo scibile teatrale in dieci titolo è opera ardua. “Sicuramente lo spirito della stagione è uno spirito divertito e fresco, infatti la commedia, anche quest’anno ha un peso una posizione importante.” – rimarca Ciabattoni. Aspettative positive per riempire la nuova sala teatrale cittadina, sono espresse anche dall’assessore alla cultura Dolores Lai. Che ha calcato la svolta unitaria, intrapresa da tutti gli operatori culturali cittadini, produttori di eventi. Iniziativa virtuosa che ha permesso con un’azione sinergica e collegiale la fruizione condivisa e coordinata del nuovo impianto teatrale. I primi riscontri di questa strategia di squadra sono incoraggianti, considerata la vendita esaurita di tutti gli abbonamenti per l’avviata stagione sinfonica.
Gli stessi auspici sono nell’aria da vigilia per questo nuovo affascinante percorso in prosa a Sassari. Tutti gli attori (è il caso di dirlo) in campo lo hanno sottolineato. Sassari non mancherà all’appello. Buio in sala, si alzi il sipario.

Ecco il cartellone 2013-2014 :

CeDAC
XXXIV Circuito Teatrale Regionale Sardo
Questa è la nostra Stagione
Nuovo Teatro Comunale – Sassari
Stagione di Prosa 2013/2014
14-15 dicembre
La Pirandelliana/ Diana OR.I.S.
Uomo e galantuomo di Eduardo De Filippo
con Gianfelice Imparato, Giovanni Esposito, Valerio Santoro, Antonia Truppo
regia Alessandro D’Alatri

14> 15 gennaio 2014
Produzioni Teatrali Paolo Poli
Aquiloni da Giovanni Pascoli
diretto e interpretato da Paolo Poli

22> 23 gennaio 2014
Teatro Stabile della Sardegna
Storie di famiglia di Jean-Claude Grumberg
con Cesare Saliu, Isella Orchis, Marco Spiga, Lia Careddu, Maria Grazia Bodio, Alessandro Meringolo, Jacopo Zerbo
regia Jean-Claude Penchenat

10> 11 febbraio 2014
Compagnia Mauri Sturno
Una pura formalità da Giuseppe Tornatore
con Glauco Mauri e Roberto Sturno
adattamento e regia Glauco Mauri

17>18 febbraio
Tones on the Stones
La Carne del Marmo – Incontro con Michelangelo Buonarroti
con Alessio Boni
regia Alessio Pizzech

23>24 febbraio 2014
Zocotoco
La torre d’avorio di Ronald Harwood
con Luca Zingaretti, Massimo de Francovich
e con Paolo Briguglia
regia Luca Zingaretti

11 > 12 marzo 2014
Teatro Stabile di Bolzano
Il malato immaginario di Molière
con Paolo Bonacelli, Patrizia Milani, Carlo Simoni
regia Marco Bernardi

21> 22 marzo 2014
Compagnia Molière
Elephant Man di Giancarlo Marinelli
tratto dall’omonimo racconto di Frederick Treves
con Ivana Monti, Daniele Liotti, Rosario Coppolino,
e con la partecipazione di Debora Caprioglio
regia Giancarlo Marinelli

7> 8 aprile
Associazione Teatrale Pistoiese – Valzer
L’Impresario delle Smirne di Carlo Goldoni
con Valentina Sperlì, Roberto Valerio, Antonino Iuorio e Nicola Rignanese
e con Massimo Grigò
regia Roberto Valerio
14> 15 aprile 2014
Teatro di Dioniso
Lo stupro di Lucrezia di William Shakespeare
con Valter Malosti, Alice Spisa, Jacopo Squizzato
adattamento e regia Valter Malosti

info:

339 1560328 – circuitoteatralesardo@gmail.com
www.cedacsardegna.it

Print Friendly, PDF & Email

Comments are closed.

« »